Guida Modelle

Come dichiarare i proventi dall’attività di Camgirl e Venditrice di contenuti per Adulti

Molte ragazze che vogliono intraprendere l’attività di Camgirl o di venditrice di contenuti, vengono inizialmente scoraggiate dalla complicata gestione a livello fiscale della loro attività.

Devo pagare le tasse?“; “Come posso fare la dichiarazione dei redditi?“; “È questo lavoro effettivamente riconosciuto dalla legge italiana?“.

Queste sono le domande più frequenti di chi inizia questa carriera e di chi, giustamente, vuole essere in regola durante lo svolgimento del proprio lavoro. Purtroppo dobbiamo cominciare col dire che, di fatto, in Italia la professione di camgirl non è riconosciuta (almeno per ora).

Tuttavia è tranquillamente possibile, in svariate modalità, poter dichiarare i propri proventi ed essere in regola con il fisco italiano. Vediamo come.

Svolgere il lavoro di Camgirl ed emettere fattura come Prestazione Occasionale

Se i tuoi proventi annuali non superano i 5000,00 € l’anno, rientri nel regime di “Prestazione Occasionale“. Puoi quindi tranquillamente non possedere partita IVA, e compilare una ricevuta di compenso di prestazione occasionale.

Nota: Skeeping.com compilerà automaticamente per te questa ricevuta! Non dovrai fare altro che firmarla e rispedirla per ottenere i tuoi compensi

In linea generale, la prestazione occasionale ti consente di emettere la tua ricevuta senza doverti preoccupare di versare i contributi in base al fatturato: nel caso questi contributi si dovessero applicare (in genere 20% dell’importo), verranno detratti dalla ricevuta stessa che compilerai, e il pagamento della tassa diventa eventualmente a carico del committente (quindi del tuo “datore di lavoro” o servizio di cam per cui lavori).

Sulla ricevuta inoltre non è necessario specificare il lavoro che stai svolgendo. Per privacy, o per qualsiasi altro motivo, la denominazione del servizio sarà generica (es: “servizio di intrattenimento” o “servizio video/foto online“)

Per rientrare in questo regime bisogna tuttavia rispettare il limite dei 5000,00 € euro annuali di guadagno. A lungo andare, come approfondito nell’articolo che spiega quanto puoi guadagnare come camgirl, supererai sicuramente questa cifra. Come procedere in quel caso?

Aprire una partita Iva a Regime Forfettario per il tuo compenso di Camgirl o venditrice di Materiale multimediale.

Se i tuoi guadagni superano i 5000,00 €, potrai aprire una partita IVA. La strada che consigliamo è quella del Regime Forfettario. Questa prevede una tassazione del 5% del reddito imponibile e del il 25,72% di contributi INPS.

In questo caso sarai tu ad emettere fattura ai tuoi clienti o al servizio di cam per cui lavori, ma compilarla è davvero facile ed esistono svariati fac-simile sul web da cui puoi prendere spunto. Inoltre, può aiutarti il tuo commercialista sia nella compilazione della fattura e sia per l’apertura di questo tipo di partita IVA, il cui unico ostacolo consiste nel trovare un effettivo codice ATECO che rispecchi questa attività.

Qui troverai una lista di tutti i codici ATECO per le attività professionali: https://www.istat.it/it/archivio/17888 (entra e clicca su “STRUTTURA DELLA CLASSIFICAZIONE”).

Per i motivi già spiegati, non esiste una classificazione strettamente idonea per “Camgirl“, ma questa può essere adattata (o se vogliamo, “forzata”) e farla rientrare in alcuni dei codici presenti, come ad esempio 74.20.1 per le attività fotografiche (soprattutto se, tramite Skeeping Fanclub, vendi le tue foto e video private);

oppure il codice 90.01.09, che nello specifico include:”[…] attività di artisti individuali quali ballerini, musicisti, cantanti, disk-jockey, conferenzieri o oratori, modelle, controfigure…”.

Conclusioni

Come detto, in assenza di un vero e proprio riconoscimento dell’attività di Camgirl in Italia, queste soluzioni rappresentano una “forzatura”. Il nostro consiglio è chiaramente quello di rivolgersi ad un esperto commercialista che possa indicarti la strada più sicura e corretta affinché tu possa essere in regola col fisco, e poter lavorare serenamente come adult performer.

In ogni caso, lo staff di Skeeping.com è sempre pronto a seguirti ed aiutarti! Per qualsiasi dubbio o info, o per condividere le tue idee o la tua esperienza, ti invitiamo quindi a commentare l’articolo!

 

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button